I giocatori ad aver cambiato più squadre in carriera

Lontano dalle bandiere, ontano dai simboli e dalle versioni romantiche di una vita legata a determinati colori, lontanissimi, anzi dalla parte opposta! Infatti qui non tratteremo delle bandiere storiche dei club, ne dei giocatori che normalmente nella propria carriera hanno cambiato casacca, anche per una questione proprio fisiologica di nuovi obiettivi ed esperienze. Qui abbiamo raccolto i giocatori ad aver cambiato più casacche nella propria carriera, con dei veri e propri record, impronosticabili anche dai migliori siti betting come www.bookmakersaams.io . Siete curiosi? Vediamoli insieme

Eugenio Corini

Tra i calciatori che hanno cambiato più maglie c’è il regista lombardo, capace di indossare 10 divise diverse in carriera. Troppo giovane per sfruttare l’opportunità alla Juventus quando aveva 20 anni, Corini non si è più imposto fino all’approdo al Chievo Verona dove ha imparato ad essere leader e prendersi la squadra in mano. Caratteristiche fondamentali per il ruolo di allenatore, incarico che ora ricopre al Novara

Bobo Vieri

L’Attaccante e ora bomber nella vita Vieri ha cambiato tredici maglie, con due esperienze all’estero tra le file dell’Atletico Madrid prima e del Monaco poi, per poi giocare semrpe in serie A tra le file dell’Inter, della Lazio, del Milan, della Juve (solo per ricordare le più importanti).

Nicola Amoruso

Lo ricordate? Bè se è facile ricordarsi di lui è difficile ricordare le maglie cambiate durante la carriera ben 14! Dotato di tecnica sublime e rapidità, l’attaccante simbolo dei 90 ha vinto tre campionati con la Juventus di Lippi e una coppa Italia con la Samp.

Alessandro Diamanti

Tra i calciatori che hanno cambiato più maglie, anche Alessandro Diamanti merita una menzione particolare, con 14 squadre diverse. Il trequartista mancino, attualmente svincolato, è in procinto di vestire una nuova divisa. La particolarità del toscano è che la girandola di trasferimenti è iniziata nella fase finale della carriera, dopo una parte iniziale al Prato.

Forse solo un atro modo di intendere la carriera calcistica!

Lascia un commento