Gli amministratori prevedono altri test per le prossime settimane

Le mitiche curve di Eau Rouge e Raidillon, che hanno da sempre caratterizzato il tracciato di Spa-Francorchamps, non saranno più le stesse. Il circuito del GP Belgio, infatti, è oggetto di un investimento di ben 80 milioni di euro, con l’obbiettivo di rendere la pista più confortevole per i tifosi e soprattutto più sicura per i piloti. Decisione presa in seguito ai vari incidenti degli ultimi anni e alla pioggia torrenziale, che nel 2021, ha costretto a cancellare la gara di Formula 1. Questa ristrutturazione coinvolgerà inevitabilmente anche la esse veloce, palcoscenico di pagine storiche ed indimenticabili del motorport, tra sorpassi da cinetica e incidenti drammatici. Nei giorni scorsi, era spuntata una foto del nuovo disegno della curva di Eau Rouge, ma i primi test effettuati sulla pista non hanno convinto del tutto gli amministratori.

Più divertimeno per i piloti con maggiore sicurezza

Il nuovo layout prevede lo spostamento del richiamo verso destra, che proietta a tutto gas le monoposto in salita, giusto un paio di metri verso sinistra. L’idea di base sarebbe proprio quella di prendere due piccioni con una fava: la curva rappresenterebbe una nuova sfida per i piloti, ma così ci sarebbe anche maggiore sicurezza, abbassando di circa il 10% la velocità di percorrenza. Questo obbiettivo, però, sembrerebbe raggiunto solo in parte, almeno da quello che dichiara il pilota Pierre-Yves Rosoux, che ha testato il nuovo disegno i giorni scorsi, al volante di una Bmw M2 CS Racing GT4.

Se oltre le gare ti piacciono anche i giochi online e le scommesse, il sito di https://www.betbonus.net/ potrebbe fare al caso tuo, con bonus e Bookmaker review

Nuovi test per l’Eau Rouge

Spa cambierà ancora? Verranno effettutate nuove modifiche? A tutte queste domande ha cercato di chiarire il consulente degli amministratori di Spa-Francorchamps, il quale ha spiegato, durante la sua intervista per la rivista francese Auto Hebdo, che è stato obbligato a frenare venti metri prima. A fine staccata, si è trovato a 160 km/h, contro i 180 del disegno precedente. In cima alla collina, poi, si arriverebbe a 170 all’ora, invece dei 182 della curva che tutti ormai conoscono da parecchio tempo. Prosegue, con dei dubbi a riguardo: non sa per certo se questo layout avrà o meno un futuro. E il tutto con auto più performanti. Il gap di velocità, rispetto al vecchio Eau Rouge-Raidillon, sarà sempre più piccolo. E soprattutto, da non ritenere per scontato, potrebbero esserci problemi di diverso tipo, in cima alla salita. Per tutti questi motivi, crede proprio che saranno opportuni altri test da effettuare nelle prossime settimane. Su Twitter, intanto, è stato pubblicato un video attraverso la pagina “The Racing Blog”, che mostra le immagini delle prime prove effettuate sul nuovo disegno della curva, che, a questo punto, non si esclude l’ipotesi che venga rallentata ulteriormente. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *